smb italia  notizie
ultime notizie
perle storiche

 
 
 
 
 
 

 

Ultime notizie :: Risposta a Beppe Grillo


BEPPE GRILLO: APPELLO ALL’ORDINE DEI FARMACISTI
di DOTT. MAURIZIO ROMANI,
già Vice Presidente Commissione Sanità del Senato XVII Legislatura


Grande Beppe!! In un momento in cui tutti parlano di Di Maio e di Salvini, mentre Di Battista porta il figlio a vivere una esperienza formativa in Sudamerica scrivendo profondi reportage di viaggio sul Messico e poi sul Guatemala pubblicati sulla Repubblica, riesci a catalizzare l’attenzione giornalistica e riempire tutti i giornali lanciando un appello fondamentale per la difesa della nostra salute: “Basta con la vendita di prodotti omeopatici da parte dei farmacisti...”
Sei il migliore, riesci sempre a sorprendermi, scrivi di una cosa della quale non ti importa assolutamente nulla, di cui non conosci niente e i giornalisti fanno a gara per dargli risalto mediatico. Come ti invidio! Ovviamente non voglio entrare nell’argomento specifico del tuo appello, essendo semplicemente un medico che per giunta, ogni tanto, prescrive qualche rimedio omeopatico, pregando la “divina provvidenza” che risolva un piccolo problema di salute e, il paziente nella vana ricerca di un farmacista che gli venda di nascosto un rimedio, non venga assalito da crisi di ansia che lo spingano a fare un “viaggio della speranza” nella incivile Svizzera o a San Marino.
Ma forse questo articolo è la premessa di un progetto più grande, d’altra parte stiamo parlando di un uomo che ha reso reale un sogno, per un breve periodo anche il mio sogno, cambiare questo Paese; dove i laureati per lavorare sono costretti ad emigrare all’estero dove contano le capacità e non essere “figli di...” e, visto che ora non si riesce a modificare la fuga di cervelli, la soluzione futura potrebbe essere quella di mandare anche i pazienti che credono ai guaritori a fargli compagnia.
Devo dire che sei sempre stato un apripista per soluzioni avveniristiche. È per questo che quando scrivi, quando parli, quando fai spettacolo (cioè sempre) la stampa ti segue, ti cerca, vuole SAPERE. Io ti sono stato vicino, sono salito sul palco con te, ti ho abbracciato, ho condiviso la cena (pagandola con piacere) e non ho imparato niente!!
Nessun giornalista mi rincorre, al limite mi sorridono, mi dicono “bravo hai fatto un bellissimo discorso”, ma nessun articolo esce sui giornali, resto un perfetto sconosciuto, eletto solo grazie alla tua bravura comunicativa. Ho condiviso una splendida esperienza insieme ad un manipolo di sprovveduti eletti che vivono, o forse sarebbe meglio dire vivevano della tua luce riflessa, in estasica ammirazione, che come vedi fa fatica a spengersi, anche dopo la mia cacciata per avere messo in discussione la buona fede del “profeta”.
Sono però disposto a fare pubblica ammenda, ma insegnami come fare a scrivere una serie di sciocchezze ed avere ugualmente inviti a talk show, articoli sui giornali, giornalisti che mi impediscono di scendere dalla macchina per rubarmi tre parole inutili di commento... Ovviamente non ti chiedo un posto di ministro, sottosegretario, o al minimo di parlamentare, perché questo non ti compete più, ora, come nella perfetta democrazia rappresentativa, dovrei chiederlo a chi è più in alto nel partito oppure all’Azienda che lo manovra a piacimento, ma so che questo non piace nemmeno a te ed è il motivo per il quale voli più alto difendendo la salute dei “cittadini” da oscuri guaritori occulti, fidando anche nella sorte che se uno non legge il nome ma si ferma al cognome potrebbe pensare che siano le parole di una “illuminata” ministra della salute.
Pensavo di scrivere della “brutta fine del Movimento” o meglio, di quello che era il pensiero con cui è nato, delle bellissime serate a parlare di politica, di progetti, di speranze, nei vari Meetup ( a proposito dove sono finiti?). Delle esperienze nei consigli comunali a fare “fiato sul collo”, cioè a registrare le sedute per portare all’esterno ciò che avveniva nelle segrete stanze e rendere tutto visibile e trasparente (a proposito dove sono finite le dirette streaming? Dov’è finita la trasparenza? Nella piattaforma Rousseau?)
Vorrei scrivere che te e molti altri preferivano restare all’opposizione, oppure anche qui mi sbaglio, il sogno era prendere il potere da soli e fare poi una votazione online per sapere se gli iscritti e, di conseguenza i CITTADINI volevano una “democrazia illiberale” oppure un “liberismo antidemocratico” entrambi anticipatori dell’uomo forte al comando al grido: “Beppe-Beppe-Beppe” ....
Ma se scrivessi tutto questo, la stampa forse continuerebbe a non considerarmi e mi esporrei alle ire della staff comunicazione del Movimento, quello sì che funziona bene ed è pronto ad aizzare troll e costruire fake news per mettermi definitivamente a tacere. Ma siccome il mio unico obiettivo è quello di essere bravo, quasi quanto te, a livello comunicativo, pensavo di scrivere un altro appello, cercando di imitare il Maestro:
“Appello a tutti gli iscritti a Confagricoltura di non votare alle prossime elezioni la senatrice a vita Elena Cattaneo, che vuole gli OGM in Italia e considera il biologico una presa in giro...”
P.S. Nel post metto una mia foto, altrimenti non è facile per Beppe Grillo ricordarsi chi sono.
Come puoi notare, non ho ritenuto opportuno utilizzare questa sede per spiegarti l’importanza per i medici che utilizzano con “scienza e coscienza” le cosiddette Medicine Non Convenzionali, di avere la possibilità di fare acquistare in farmacia i rimedi omeopatici, essendo questo un “atto medico” e non una pratica da guaritori.
Questo dovrebbe essere un deterrente per evitare che personaggi ambigui che non hanno nessuna conoscenza diagnostica e terapeutica possano esercitare una professione che compete esclusivamente al medico e la cui distribuzione è delegata esclusivamente al farmacista.
Infine i farmacisti che consigliano ad una persona di provare rimedi omeopatici, fitoterapici, antroposofici ecc. per la loro patologia, spesso cronica, non gli suggeriscono guaritori più o meno improvvisati, ma di rivolgersi ad un “medico esperto”. Questa è una garanzia di professionalità, poi, come in tutte le professioni, ci sono gli speculatori e gli improvvisati ecco perché invece di fare appelli senza senso sarebbe molto meglio scrivere e fare approvare Leggi con norme certe per la preparazione professionale di chi sceglie di utilizzare anche le medicine non convenzionali.
Ti saluto e resto a tua disposizione per qualsiasi approfondimento riterrai opportuno